domenica 21 dicembre 2008

domenica 14 dicembre 2008

Strane coincidenze

1) New York City ha 11 lettere
2) Afghanistan ha 11 lettere
3) Ramsin Yuseb (il terrorista che minacciò di distruggere le Torri gemelle nel 1993) ha 11 lettere.
4) George W Bush ha 11 lettere
5) Le due torri gemelle formano un 11

Questa può essere un pura coincidenza, ma ora
si fa più interessante:
1) New York è l'11° stato
2) Il primo aereo schiantatosi contro le torri gemelle era il volo n° 11
3) Il volo n° 11 portava 92 passeggeri. 9+2=11
4) Il volo 77, che si schiantò anche contro le torri, portava 65 passeggeri.
6+5=11
5) La tragedia si verificò l'11 settembre, o 9/11 (data americana) come lo si conosce ora.
6) La data è uguale al numero dell'emergenza americano 911. 9+1+1=11
Coincidenza? Continua a leggere e fatti la tua idea:
1) Il totale del numero delle vittime negli aerei dirottati era 254.
2+5+4=11
2) L'11 settembre è il giorno n° 254 nel calendario dell'anno. 2+5+4=11
Di nuovo...
3) L'attentato di Madrid accadde l'11/03/2004. 1+1+3+2+4=11
4) La tragedia di Madrid accadde 911 giorni dopo quella delle torri gemelle.

Ed è qui che le cose si fanno parecchio misteriose:
Il simbolo + riconosciuto per gli USA, dopo le Stelle&Strisce, è l'Aquila. Il versetto seguente è preso dal Corano, il Libro Sacro islamico:
"Perchè è scritto che un figlio d'Arabia sveglierà una terribile Aquila. La collera dell'Aquila si sentirà attraverso le terre di Allah,
mentre alcune persone tremarono disperate ancora più allietate: perchè la
collera dell'Aquila ripulì le terre di Allah e ci fu pace."

Questo è il verso n° 9.11 del Corano.

Non siete ancora convinti?
Provate questo e vedete come vi sentirete dopo,
a me ha fatto drizzare i capelli:

Apri Microsoft Word ed esegui (fatelo sul serio......)
1) Scrivi in stampatello Q33 NY. E' il n° del primo volo schiantatosi contro le
torri gemelle..........
2) Evidenzia il Q33 NY
3) Cambia la dimensione del carattere in 48.
4) Cambia l'attuale carattere in WINGDINGS 1.

Guardate cos'ho ritrovato nel mio PC facendo ordine...Sarà da una vita che ce l'ho ma rileggerla mi ha colpito ancora.

sabato 13 dicembre 2008

SANTA LUCIA

...VERGINE E MARTIRE

Nacque a Siracusa, ma non si conosce con certezza la data. La sua vita d'altra parte è intessuta di elementi leggendari, che stanno a testimoniare l'enorme venerazione di cui la santa ha goduto e gode. La sua passio afferma che Lucia subì il martirio sotto Diocleziano, per cui si è voluto fissare la data di nascita al 283. Il più antico documento che la riguarda è un'iscrizione del V secolo in cui si parla di una certa Euskia, morta il giorno "della mia patrona Lucia". Secondo la passio la giovane apparteneva a una ricca famiglia siracusana, promessa sposa a un pagano. Per una malattia della madre compì un viaggio a Catania, per visitare il sepolcro di S. Agata, sul quale pronunciò il voto di conservare la verginità. Distribuì perciò i beni ai poveri e rinunciò al matrimonio.

Arrestata su denuncia del fidanzato, fu sottoposta a diverse torture: condotta in un lupanare, trascinata da una coppia di buoi, cosparsa di pece bollente, posta sulla brace ardente. Per sfuggire al carnefice si strappò gli occhi. Solo dopo questi tremendi tormenti cadde sfinita e morì. L'iconografia risente fortemente dell'episodio dello strappo volontario degli occhi in quanto la santa i raffigurata con una tazza in mano su cui sono posti gli occhi. La sua festa cade il 13 dicembre.

Prima dell'introduzione del calendario moderno (1580) si celebrava il 21 dicembre il giorno del solstizio invernale, da cui il detto "S. Lucia il giorno più corto che ci sia". La festa è caratterizzata da pratiche devozionali di tipo magico-esorcistico e solare-agrario. Si confezionano in questo giorno pani a forma di occhi che, benedetti, si mangiano con lo scopo di preservarsi da malattie oculari. A lei si offrono anche ex voto d'argento a forma di occhi, che vengono appesi sulla "vara" il giorno della festa. I fuochi accesi la vigilia della festa sono l'indicazione più evidente che ci troviamo in presenza di rituali Festivi legati al trapasso stagionale più delicato dell'anno, col progressivo scemare della luce, per cui occorre esorcizzare, il pericolo del non ritorno della luce.

"Luce degli occhi, della vista", "luce del mondo", "luce cosmica": le espressioni rivelano non solo una chiara simbologia spirituale di grandissima intensità, ma soprattutto quella visione cosmologica delle civiltà passate e delle moderne culture contadine in cui s'alternano luce e notte, vita e morte.


La vita è una candela spesso si spegne prima che si consumi, è così che ho imparato ad amare, a non lasciare nulla incompiuto, a dire sempre quello che penso alle persone.

giovedì 11 dicembre 2008

...

stanotte è molto buio...

mercoledì 10 dicembre 2008

Biowashball


Lava senza detersivo. Anallergica, economica, porta comfort e benessere.
Biowashball contiene tante palline di ceramica naturale le cui proprietà consentono il lavaggio degli indumenti SENZA utilizzare alcun detersivo. E’ un prodotto realizzato da ricercatori svizzeri che sta avendo una diffusione enorme in tutto il mondo.

http://www.ecowashball.it/

lunedì 8 dicembre 2008

lunedì 1 dicembre 2008

GIACOMO LEOPARDI

...I GRANDI...
...In fine, siccome Anacreonte desiderava potersi trasformare in ispecchio per esser mirato continuamente da quella che egli amava, o in gonnellino per coprirla, o in unguento per ungerla, o in acqua per lavarla, o in fascia, che ella se lo stringesse al seno, o in perla da portare al collo, o in calzare, che almeno ella lo premesse col piede; similmente io vorrei, per u
n poco di tempo, essere convertito in uccello, per provare quella contentezza e letizia della loro vita.